Torna a...
Articoli e News Fotografie e Video Da non perdere! Parrocchia Beata Vergine Maria del ...

L’Infiorata del Venerdì Santo della Parrocchia di Porto Cesareo

In occasione del Venerdì Santo, sul sagrato della Parrocchia “Beata Vergine Maria del Perpetuo Soccorso” di Porto Cesareo, i ragazzi dell’Azione Cattolica e gli Scout di Porto Cesareo hanno dato vita all’Infiorata, una manifestazione che consiste nel realizzare tappeti di fiori generalmente per la festività cattolica del Corpus Domini.

L’Infiorata a Porto Cesareo

Oltre ai fiori, che sono i veri protagonisti dei disegni, sono state utilizzate la posa del caffè (per sfumature e contorni) e della segatura colorata come sfondo.

Secondo i ragazzi che vi hanno partecipato:

Questa manifestazione trasmette tanta felicità a chi contribuisce alla realizzazione e tanta emozione a tutti coloro che ammirano la bellezza e lo splendore dei lavori e del meraviglioso accostamento di colori.

Un po’ di storia…

La tradizione delle decorazioni floreali è nata a Roma nella prima metà del XVII secolo come espressione della cosiddetta festa barocca.

Si ritiene, infatti, che la tradizione di creare quadri per mezzo di fiori fosse nata nella basilica vaticana ad opera di Benedetto Drei, responsabile della Floreria vaticana, e di suo figlio Pietro, i quali avevano usato “fiori frondati e minuzzati ad emulazione dell’opere del mosaico” il 29 giugno 1625, festa dei santi Pietro e Paolo, patroni di Roma.

Approfondisci su Wikipedia.it

Grazie ad Alessandra Leo e Rachele Baldi per le foto. 🙂

Il caricamento della mappa di Google non è andato a buon fine.

Fai un ultimo tentativo! Premi F5 per ricaricare completamente la pagina.

Parrocchia Beata Vergine Maria del ...

Lascia un commento!

Francesco Schito
4 Maggio 2011 @ 10:14

Esprimo il mio vivo compiacimento per quanto si è realizzato.
Con stima e considerazione, congratulazioni ai ragazzi!

Colgo l’occasione di segnalare a tutta la cittadinanza e a tutte le istituzioni locali di valorizzare sempre più i nostri cari ragazzi; anche il solo parlarne favorisce tale necessità.

Francesco Schito – vostro concittadino

Scrivi qui il tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati (*).